I MIGLIORI MASSETTI PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
Consulenza-Fornitura-Posa in Opera

Massetto Autolivellante Fassafloor Therm


In questo articolo:

Massetto Autolivellante
Fassafloor Therm

info & prezzi

Le nostre zone operative


Massetto autolivellante premiscelato
Prodotto disponibile in silo


Vedi anche:

I Migliori Massetti Per Riscaldamento a Pavimento

Massetti simili

Massetto Autolivellante Grigolin AR97

Massetti Autolivellanti Knauf

Costo massetto autolivellante Fassafloor Therm

Il prezzo al mq del massetto autolivellante Fassa Bortolo Fassafloor Therm varia in funzione dello spessore e dei metri quadri da realizzare da €12,00 in assenza di radiante e da €16,00 su riscaldamento a pavimento. Il costo al mq del massetto autolivellante sa500 Fassafloor  Therm è compreso in una media tra 12,00€ e 21,00€. Per ricevere il prezzo adeguato alla tua situazione specifica, verifica nella pagina prezzi/massetti oppure contattaci.
Servizio per imprese e privati
Zone operative centro-nord


Il costo finito di questo massetto compreso la fornitura di materiale è sopra la media per interventi sotto i 300 metri quadrati per questo e altri motivi

PER QUESTO PRODOTTO OPERIAMO PER UN MINIMO DI 300 METRI QUADRI

 

Massetto Autolivellante Fassafloor Therm

Come annunciato il mercato dei massetti autolivellanti sempre in evoluzione sta vivendo un periodo di rinnovamento anche a causa dell'assenza di alcune componenti derivate dalle centrali a carbone Fassa Bortolo è tra le prime a creare il nuovo prodotto il Massetto autolivellante Fassafloor Therm, massetto a base cementizia ad elevata resistenza meccanica e conducibilità termica ad essiccazione veloce e ritiro controllato, per pavimenti interni.

Vantaggi:
• Ottime resistenze meccaniche
• Ottima conducibilità termica
• Ideale su impianti di riscaldamento e raffrescamento a pavimento
• Posa dei rivestimenti molto veloce
• Pratico e di facile messa in opera
• Per interventi di ristrutturazione e di nuova costruzione

DATI
Coefficiente di conducibilità termica (EN 12664) * λ = 1,9 W/(m∙K)  (valore tabulato)
Calore specifico (ISO 10456) 1 KJ/(Kg∙K) (valore tabulato)
Resistenza a flessione a 28 gg (EN 13892-2) * ≥ 8 N/mm²
Resistenza a compressione a 28 gg (EN 13892-2) * ≥ 35 N/mm²
Pedonabilità ca. 12 ore
Spessore minimo di applicazione 2 cm ancorato 3,5 cm desolidarizzato
Peso specifico della polvere ca. 1.700 kg/m³
pH alcalino Granulometria < 3 mm
Acqua di impasto 6,5-7,5%
Resa (variabile in base al grado di compattazione) ca. 19 kg/m² con spessore 10 mm
Densità del prodotto indurito (variabile in base al grado di compattazione) 2.150-2.300 kg/m³
Tempo di lavorazione ca. 60 minuti
Tempo di completa essiccazione indicativo, per pavimenti ceramici in genere umidità residua inferiore al 2%; a temperature più basse e/o U.R. più alte i tempi di asciugatura aumentano
Fattore di resistenza alla diffusione del vapore acqueo (ISO 10456) 70 campo umido, 120 campo secco (valore tabulato)
Resistenza alle sollecitazioni parallele al piano di posa (UNI 10827) ≥ 1,6 N/mm²
Reazione al fuoco A1fl Conforme alla norma EN 13813 CT-C35-F7

(*)  I provini di questo prodotto per la conducibilità termica e le resistenze meccaniche vengono preparati in condizioni di laboratorio, con apposita procedura in accordo con la normativa di riferimento EN 138921  al fine ottenere la massima compattazione possibile.
I dati riportati si riferiscono a prove di laboratorio; nelle applicazioni pratiche di cantiere questi possono essere sensibilmente modificati a seconda delle condizioni di messa in opera. L'utilizzatore deve comunque verificare l'idoneità del prodotto all'impiego previsto, assumendosi ogni responsabilità derivante dall'uso.
La ditta Fassa si riserva di apportare modifiche tecniche, senza alcun preavviso. Specifiche tecniche in merito all'uso di prodotti Fassa Bortolo in ambito strutturale o antincendio, avranno carattere di ufficialità solo se fornite da "Assistenza Tecnica" e "Ricerca Sviluppo e Sistema Qualità" di Fassa Bortolo.
Qualora necessario, contattare l'Assistenza Tecnica all'indirizzo mail area.tecnica@fassabortolo.com. Si ricorda che per i suddetti prodotti è necessaria la valutazione da parte del professionista incaricato, secondo le normative vigenti.

Impiego
FASSAFLOOR THERM è un massetto cementizio a consistenza semi-umida, a presa ed essiccazione veloce, utilizzato come strato di ripartizione di carico, in ambienti interni ed esterni, per la posa di rivestimenti in legno, resilienti (linoleum, PVC, moquette, LVT, gomma, ecc.), materiali lapidei, piastrelle in ceramica e resinosi. Grazie alle ottime prestazioni meccaniche, FASSAFLOOR THERM è adatto per le seguenti destinazioni d'uso: - Ambienti ad uso residenziale (alberghi, locali di abitazione e relativi servizi) - Uffici privati e pubblici - Ambienti pubblici (ristoranti, strutture sanitarie, scuole, palestre, biblioteche, ecc.) - Ambienti ad uso commerciale (negozi, magazzini, librerie, centri commerciali, ecc.) - Zone pedonali e carrabili a traffico leggero in ambienti ad uso commerciale/industriale. Inoltre, per la sua buona conducibilità termica, è particolarmente indicato per l'applicazione su impianti di riscaldamento/ raffrescamento senza l'utilizzo di additivi aggiuntivi. Rispetta le indicazioni delle principali norme di posa (UNI 11493-1, UNI 11371, UNI 11714-1, UNI 11515-1, UNI 10966, ecc.).

Preparazione del fondo
Il piano di posa deve essere libero da corpi estranei, meccanicamente resistente, stabile, stagionato, asciutto e pulito.
Per la realizzazione di massetti di tipo desolidarizzato o galleggiante, prima della messa in opera del massetto, supporti irregolari o con dislivelli rilevanti vanno livellati e portati in quota, con uno strato di compensazione utilizzando prodotti tipo CALCESTRUZZO CELLULARE; nello strato di compensazione dovrà essere annegata anche l'eventuale impiantistica idraulica o elettrica presente.

Massetto ancorato (Spessore minimo di 2 cm)
Accertare che il fondo, oltre a rispettare i requisiti appena sopra elencati, sia anche pulito privo di oli, cere, vernici o qualsiasi altro elemento che possa compromettere l'adesione al fondo. Predisporre, lungo le pareti perimetrali e gli elementi in elevazione, un nastro di materiale comprimibile dello spessore di 0,5-1 cm e applicare con pennello una boiacca cementizia di ancoraggio per favorire l'adesione; questa boiacca è ottenuta impastando FASSACEM con il lattice AG 15, diluito con acqua in rapporto 1:3. Effettuare la posa del massetto con la tecnica del "fresco su fresco".

Massetto desolidarizzato (Spessore minimo di 3,5 cm)
Procedere alla stesura di un freno vapore (spessore in funzione del valore di Sd , strato d'aria equivalente, richiesto) su tutta la superficie della gettata, avendo cura sia di sormontare le giunzioni per almeno 10-15 cm che di far rimontare il foglio sulle pareti alla stessa altezza della banda comprimibile; sigillare tutte le giunzioni con nastro adesivo resistente all'umidità. Predisporre, lungo le pareti perimetrali e gli elementi in elevazione, un nastro di materiale comprimibile dello spessore di 0,5-1 cm ed alto almeno quanto la quota finita della pavimentazione, comprensiva di rivestimento di finitura. Sia nel caso di massetti ancorati che in quello di massetti desolidarizzati si può inserire una rete elettrosaldata a circa metà dello spessore del massetto (vedi paragrafo "Avvertenze").

Massetto galleggiante
Per massetti su sistemi di isolamento termico o acustico, tipo SILENS STA 10, applicare scrupolosamente i materiali isolanti, attenendosi alle indicazioni di posa dei produttori e per quanto riguarda gli isolanti acustici alla norma UNI 11516 "Indicazioni di posa in opera dei sistemi di pavimentazione galleggiante per l'isolamento acustico". Se necessario, procedere alla stesura di un freno vapore (spessore in funzione del valore di Sd , strato d'aria equivalente, richiesto) su tutta la superficie della gettata, avendo cura sia di sormontare le giunzioni per almeno 10- 15 cm che di far rimontare il foglio sulle pareti alla stessa altezza della banda comprimibile; sigillare tutte le giunzioni con nastro adesivo resistente all'umidità. Predisporre, lungo le pareti perimetrali e gli elementi in elevazione, un nastro di materiale comprimibile dello spessore di 0,5-1 cm ed alto almeno quanto la quota finita della pavimentazione, comprensiva di rivestimento di finitura. Lo spessore del massetto dovrà essere dimensionato in funzione della comprimibilità, dello spessore dell'isolante, della destinazione d'uso finale e della tipologia di rivestimento utilizzato. Inoltre, è consigliabile posizionare una rete elettrosaldata all'interno del massetto (vedi paragrafo "Avvertenze").

Ciclo di prima accensione dell'impianto radiante
Dopo un periodo di maturazione di almeno 5 giorni, l'avvio dovrà essere eseguito secondo quanto prescritto dalla norma EN 1264-4 oppure rispettando le seguenti indicazioni: - il primo riscaldamento inizia con una temperatura di mandata dell’acqua pari a 20-25°C, che deve rimanere costante per 3 giorni; - successivamente la temperatura d'entrata dell'acqua dovrà essere aumentata giornalmente di 5°C, fino a raggiungere la temperatura massima di utilizzo prevista; - tale temperatura dovrà esser mantenuta per 5 giorni per uno spessore fino a 55 mm; per ogni 5 mm di spessore in più il tempo di attesa sarà aumentato di un giorno; - in seguito si dovrà ridurre la temperatura dell'acqua in entrata di 10°C al giorno, fino a raggiungere la temperatura iniziale; - durante il periodo della prima messa in funzione dell'impianto, verificare l'aerazione dei locali evitando la formazione di correnti d'aria. È sempre buona norma la messa in funzione dell'impianto prima dell'incollaggio di qualsiasi tipo di pavimentazione, al fine di far comparire sul massetto eventuali fessurazioni generate da accumuli di tensioni derivanti da dilatazioni termiche; la posa del rivestimento deve poi avvenire a massetto raffreddato.

 


Zone Operative

Realizzazione compreso materiali
MASSETTI AUTOLIVELLANTI SFUSI IN SILO


Toscana
(Minimo mq 70)
Firenze, Pisa, Grosseto, Massa, Carrara, Livorno, Lucca, Prato, Pistoia, Arezzo, Pontedera, Empoli
Umbria
(Minimo mq 120)
Perugia, Terni, Spoleto, Todi, Assisi, Foligno, Gubbio
Lazio
(Minimo mq 130)
Roma, Viterbo, Rieti, Frosinone, Latina
Emilia Romagna
(Minimo mq 120) 
Bologna, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Parma, Cesena, Ferrara, Ravenna, Piacenza, Forlì, Rimini
Liguria
(Minimo mq 100)
La spezia
Lombardia
(Minimo mq 150)
Milano, Monza, Pavia, Lodi, Cremona, Brescia, Mantova
Veneto
(Minimo mq 150)
Verona, Vicenza, Padova, Rovigo

Scheda Tecnica
Massetto autolivellante Fassafloor Therm