MASSETTI AUTOLIVELLANTI TRADIZIONALI E ALLEGGERITI
Consulenza Fornitura Posa in opera

 

MASSETTO AUTOLIVELLANTE SA500 FASSA BORTOLO

Massetto autolivellante premiscelato disponibile in silo e in sacchi
 

DATI TECNICI

Spessore minimo applicabile
massetto ancorato 3 cm
massetto galleggiante 3 cm
massetto su radiante 3 cm

Resistenza a compressione
asciutto > 20 N/mm²

Conducibilità termica
λ1,40 W/mK

Calpestabilità
dopo circa 24 ore

Soggetto a carichi
dopo circa 3 giorni

Peso
circa 20 kg al mq per 1 cm

Giunti di dilatazione
si

Inizio Ciclo termico
a 21 giorni dalla posa

Supporti meccanici
rete consigliata su radianti

Costo massetto SA500 Fassa Bortolo

Il prezzo al mq del massetto autolivellante Fassa Bortolo sa500 di fornitura e posa varia in funzione dello spessore e dei metri quadri da realizzare da €10,00 al mq.

Per ulteriori approfondimenti sul prezzo del massetto o ricevere un prezzo adeguato alla tua situazione specifica, verifica nella pagina prezzi/massetti oppure contattaci. Servizio per imprese e privati.



Massetti simili

Massetto Autolivellante Grigolin AR97


Massetto Autolivellante FE80 Knauf

Il più economico

Massetto Tribon

 

Massetto autolivellante a base cementizia

Il massetto autolivellante Fassa Bortolo SA 500 è un massetto a base cementizia con diverse granulometrie di inerti selezionate che conferiscono al massetto autolivellante un'ottima resistenza, è per tutti gli utilizzi interni adatto alla posa di tutti i rivestimenti, con la sua superficie perfettamente planare consente ai posatori di pavimenti di ottenere risultati di posa più veloci e precisi con un consumo minore e regolare di collante, adatto anche alla posa di pavimenti in resina, parquet, linoleum, etc., è specifico per pavimenti radianti, la sua consistenza fluida, riesce ad entrare perfettamente sotto il tubo eliminando le possibili creazioni di vuoto che fanno da camera d'aria e da resistenza al calore. La sua conducibilità termica non è tra le più alte del mercato ma è comunque con un valore di λ 1,41 W\(m.k). I giunti di dilatazione devono essere realizzati su aree maggiori di 40 mq in presenza e assenza di radiante gli stessi giunti di dilatazione devono essere riportati nel pavimento tagliandolo e lasciando lo spazio per la dilatazione, riempendo il giunto con materiale elastico, è consigliato stendere sul riscaldamento una rete filo 2 mm maglia cm 5x5 per aumentare la trazione e diminuire il ritiro, la rete deve essere opportunamente fissata al pannello per evitare il galleggiamento. La realizzazione del massetto autolivellante è estremamente veloce realizziamo oltre 500-600 metri quadrati al giorno, semplificando e velocizzando tutte le operazioni di cantiere, è semplice operare anche in appartamenti in centro abitato riservando (ove possibile) un suolo molto ristretto per la posizione di un silo circa m 2,80 x 2,80, senza creare polveri per la miscelazione, senza residui, sacchi da smaltire.

Vantaggi

- Ottima lavorabilità
- Prodotto a ritiro compensato
- Idoneo su impianti di riscaldamento/raffrescamento a pavimento
- Elevato grado di planarità

Composizione

SA 500 è un premiscelato secco composto da particolari cementi, sabbie classificate ed additivi specifici
per migliorare la lavorabilità ed ottimizzare le caratteristiche autolivellanti.

Impiego

SA 500, grazie alla particolare formulazione, può essere utilizzato per la realizzazione di massetti in ambienti interni, con la funzione di strato di ripartizione di carico, per la posa di rivestimenti in legno, resilienti (linoleum, PVC, moquette, LVT, gomma, ecc.) e piastrelle di ceramica.
Grazie alle buone prestazioni meccaniche, SA 500 è adatto per le seguenti destinazioni d'uso:
- Ambienti ad uso residenziale (alberghi, locali di abitazione e relativi servizi);
- Uffici privati e pubblici;
- Ambienti pubblici (ristoranti, strutture sanitarie, scuole, palestre, ecc...).
Particolarmente indicato per l'applicazione su impianti di riscaldamento/raffrescamento grazie all'elevata compattezza con conseguente bassa inerzia termica.
Rispetta le indicazioni delle principali normative tecniche di posa (UNI 11493-1, UNI 11371, ecc.).

Preparazione del fondo

Il piano di posa deve essere libero da corpi estranei, meccanicamente resistente, stabile, stagionato, asciutto e pulito. Per la realizzazione di massetti di tipo desolidarizzato o galleggiante,  prima della messa in opera del massetto, supporti irregolari o con dislivelli rilevanti vanno livellati e portati in quota, con uno strato di compensazione utilizzando prodotti tipo CALCESTRUZZO CELLULARE; nello strato di compensazione dovrà essere annegata anche l'eventuale impiantistica idraulica o elettrica presente.
Nel caso specifico di solaio contro terra sarà indispensabile prevedere un'idonea impermeabilizzazione (manti o guaine, assicurandosi che il massetto risulti salvaguardato da possibili fenomeni di umidità di risalita).

Massetto con riscaldamento o raffrescamento

In presenza di impianto radiante accertarsi che tutti i pannelli siano stabili, aderenti al fondo e vengano disposti ben affiancati l'uno all'altro fino al nastro comprimibile perimetrale, in modo da evitare ponti termici. Come previsto dalla norma EN 1264-4, prima della posa del massetto, i circuiti di riscaldamento devono essere sottoposti al controllo di tenuta mediante una prova di pressione d'acqua, inoltre è consigliabile posizionare una rete elettrosaldata all'interno del massetto, avendo cura di fissarla opportunamente ai pannelli radianti, indicativamente la rete avrà maglie da 50x50 mm con spessore del tondino di 2 mm e dovrà essere interrotta all'altezza dei giunti di dilatazione.
Prima di dar inizio all'applicazione vanno verificati i livelli di riferimento con livella a liquido o laser e predisposte le eventuali sponde di contenimento del getto.

Lavorazione

Nel caso di utilizzo del prodotto sfuso, SA 500 viene impastato mediante mescolatore orizzontale collegato direttamente alla stazione silo. L'operatore, una volta avviata la macchina e dopo aver effettuato  la corretta regolazione del dosaggio di acqua per ottenere la giusta consistenza dell'impasto prova di fluidità con attrezzatura specifica Fassa, potrà raggiungere tranquillamente il punto di applicazione. Lo spegnimento e l'accensione dell'impianto avverrà direttamente dal piano di posa servendosi di un comando a distanza. L'impianto ha una portata di circa 100 litri/min (circa 6 metri
cubi/ora). Nel caso di utilizzo del prodotto in sacco, si potrà utilizzare una macchina intonacatrice tipo I41 con idoneo allestimento o m-Tech Duo-mix. Il prodotto va distribuito iniziando dalle zone di maggior spessore e viene livellato con barra livellatrice attuando una battitura iniziale e successivamente una seconda mano di finitura, avendo l'accortezza di eseguire la lavorazione del prodotto in maniera incrociata le operazioni appena descritte dovranno essere effettuate entro i tempi di lavorazione del prodotto.

Per la posa di rivestimenti ceramici o lapidei si consiglia il nostro adesivo AZ 59 FLEX, AT 99 MAXYFLEX, SPECIAL ONE, AD8 impastato con LATEX DE 80 oppure, nel caso in cui ci sia la necessità di ricorrere a prodotti a presa rapida, RAPID MAXI S1 e FASSATECH 2 per la posa di un rivestimento in legno si consiglia il nostro adesivo ADYWOOD 2K, adesivo bi componente epossi poliuretanico oppure ADYWOOD MS, adesivo mono componente silanico per la posa di pavimenti in legno. La scelta dell'adesivo avverrà in funzione del formato e della tipologia di rivestimento prevista.
In ogni caso, procedere alla fase di posa del rivestimento solo dopo aver verificato l'idoneità del supporto secondo le norme di posa vigenti.

 
 

LE NOSTRE ZONE OPERATIVE PER I MASSETTI AUTOLIVELLANTI

Per le zone dove non si arriva con mezzo d'opera o per piccoli cantieri operiamo solo in Toscana

ZONE OPERATIVE MASSETTI AUTOLIVELLANTI IN SILO