Il CEMENTO CELLULARE

Bolle d'aria per isolare e alleggerire

vedi anche

I Migliori Massetti per Riscaldamento a pavimento

Il Massetto Autolivellante

Massetto alleggerito con Cemento cellulare

Il cemento cellulare (o calcestruzzo cellulare) è un cemento alleggerito formato da cemento liquido che miscelato con una schiuma vegetale genera un sottofondo isolante termico idoneo per realizzare massetti alleggeriti in ambienti civili ed industriali.

Viene comunemente utilizzato prima di eseguire il massetto per coprire gli impianti tecnici e lavorare in sicurezza congiuntamente permette la stesura di successivi ed eventuali pannelli isolanti, tappetini acustici, barriere vapore usato anche come pre massetto per impianti di riscaldamento a pavimento e per la formazione di massetti su tetti piani non carrabili con pendenza fino al 2% adatto a ricevere direttamente la guaina bituminosa flottante. 
Molto pratico in genere anche come materiale di riempimento in ambito geotecnico di cavità naturali, intercapedini, gallerie dismesse, cunicoli, scavi di tubazioni, vasche interrate, volte in centri storici e Isolamento di sottotetti.

DENSITA' VARIABILI

da 300 a 600

Dati tecnici densità Kg 400

Quantità cemento
Kg 330/metro cubo

Isolamento termico
lambda = 0.084 Kcal/mhoC

Resistenza a compressione
circa 10 Kg/cm²

Resistenza al fuoco
non infiammabile.

Permeabilità al vapore
Mu = 6 circa

Peso a secco
330kg al metro cubo

Costo massetto alleggerito da 0,85 € al mq

Il costo del massetto alleggerito senza polistirolo con il calcestruzzo in Cemento Cellulare Foamcem di fornitura e posa parte da un minimo di 0,85€ al mq per 1 cm ovvero 85,00 € al metro cubo e varia in funzione della quantità dei metri quadrati da realizzare.


Verifica nella pagina prezzi massetti
oppure contattaci
servizio per imprese e privati.

 

Sottofondo alleggerito Foamcem

Il cemento cellulare Foamcem è un sottofondo alleggerito semi autolivellante con proprietà termoisolante prodotto da un'attrezzatura automatica dotata di un sistema computerizzato per la regolazione e la miscelazione, viene pompato in continuo fino al piano con tubi a bassa pressione.
La miscelazione continua viene anticipata da due fasi contemporanee, il cemento 32.5 o 42.5 impastato con l'acqua forma la boiacca che viene poi aggiunta ad una schiuma proteica ottenuta con un additivo vegetale (agente schiumogeno) e acqua in questo modo viene formata all'interno dell'impasto cementizio una struttura a cellule di aria chiuse rivestite di cemento che conferiscono un'elevato potere isolante e una notevole leggerezza al materiale, non avendo caratteristiche di resistenza a compressione elevate non funge da cassa armonica e quindi trasmette poco le sollecitazioni acustiche, queste stesse caratteristiche non lo rendono idoneo alla posa diretta dei rivestimenti se non sovrapposto da un massetto, per migliorarne le caratteristiche isolanti é consigliabile interporre uno strato separatore tra il massetto e il cemento cellulare tale soluzione offre valori di isolamento a 500 Hz inferiori a 70 db, di seguito sono illustrate le caratteristiche alle varie densità ottenibili:

 

Densità da 350 a 600 Kg/metro cubo

Le densità come massetto termoisolante sono ottenibili con l'impiego da 300 a 600 Kg/metro cubo di cemento, a seconda delle specifiche esigenze costruttive.
La densità 400 è quella più comunemente utilizzata vediamo le caratteristiche di seguito descritte e illustrate:
La leggerezza del cemento cellulare varia in rapporto alla quantità di cemento messa nell'impasto, alla densità 400 contiene 330 kg di cemento al metro cubo con un peso finale di 330 kg al metro cubo anche il rapporto di resistenza a compressione aumenta in funzione della quantità di cemento e del peso finale, alla densità 400 si ottiene una resistenza a compressione di 10 kg al centimetro quadrato.

Fasi di lavorazione

Con il cemento cellulare nelle abitazioni civili o industriali é possibile riempire in opera il fondo e coprire gli impianti tecnici nella fase immediatamente prima dell'intonaco consentendoci di lavorare senza l'ostacolo o il rischio di spaccarli ma è anche possibile in ristrutturazioni o in locali con l'intonaco già realizzato.

Essendo un prodotto autolivellante serve fissare gli impianti tecnici, è consigliato farlo con le comuni fascette in nylon (operazione di solito a carico degli impiantisti), la fascettatura deve essere fitta approssimativamente ad una distanza sotto i 50 cm una dall'altra. Il metodo tradizionale con il fissaggio in cemento degli impianti tecnici se non è strettamente necessario viene considerato un metodo superato come peggioramento del manufatto, come una perdita di tempo e come dispendio di costi.

Differenza tra sottofondo e massetto

Il sottofondo è un riempimento con proprietà leggere di isolamento termico e acustico non adatto alla posa diretta dei rivestimenti, il massetto invece ha una resistenza a compressione maggiore e serve a ripartire i pesi e a ricevere le pavimentazioni finali.

Massetto alleggerito e polistirolo

Il massetto alleggerito o meglio chiamarlo con il suo nome sottofondo alleggerito con polistirolo viene impastato in cantiere con il giusto rapporto cemento e acqua, da qualche tempo una moda nei sottofondi alleggeriti sembra essere l'aggiunta a questi tre elementi la schiuma che si usa per il cemento cellulare (prodotto non certificabile come tutti i prodotti aggregati in cantiere), spesso viene spacciato per il vero sottofondo in polistirolo che ha caratteristiche tecniche molto vicine al cemento cellulare solo con una leggera flessione dell'isolamento termico e un leggero miglioramento della resistenza a compressione, questa nuova moda quando miscelata e lavorata perfettamente si inserisce esattamente nel mezzo ma era davvero indispensabile questo prodotto? La velocità di realizzazione e la pulizia di cantiere contro l'inquinamento ambientale dei pallini che volano e il costo maggiore per il cliente, le prestazioni incognite rispetto al cemento cellulare questi alcuni tra i principali motivi che ci hanno portato a togliere il polistirolo dai nostri prodotti.

Controlli

Tutti i massetti e i sottofondi contengono acqua, l'evaporazione dell'acqua da tutti i materiali crea nei massetti in opera dei micro cretti, maggiore è la quantità di acqua aggiunta maggiore sarà questo fenomeno, se nei massetti i micro cretti diffusi possono creare problemi per la posa diretta dei pavimenti in un sottofondo alleggerito questa problematica non è grave, se un prodotto viene gettato in opera sempre con la giusta quantità di acqua come descritto nella scheda tecnica si limita al massimo il fenomeno e non comporta alcuna problematica per la tenuta e per i rivestimenti perché coperto sempre da un massetto ripartitore al contrario un sottofondo gettato denso é però spesso indice di controllo della quantità di cemento inserita, il rapporto schiuma, cemento, acqua e additivo come indicato nella scheda è fondamentale per la migliore riuscita dell'opera come per ogni cosa quindi le persone fanno la differenza, negli anni infatti il calcestruzzo cellulare è stato screditato grazie soprattutto ad applicatori improvvisati, impianti di produzione scadenti, additivi schiumogeni deteriorati e furbetti che mettono poco cemento o poco additivo all'interno dell'impasto.

Quale sottofondo alleggerito scegliere

Il cemento cellulare Foamcem è il miglior massetto come sottofondo alleggerito termoisolante per per qualità prezzo, leggerezza e velocità di realizzazione... sottofondi simili sono realizzati con vermiculite, perlite, isocal, isolcap, argilla espansa.